Voi che fareste se vi trovaste in casa l’amianto?

Roma, 2016 (sic!). Dopo tanti mesi alla ricerca di una giusta casa, finalmente ci innamoriamo. Una casa fatta su misura per quello che doveva diventare il punto di riferimento della nostra vita. Una casa per raccogliere il futuro di due persone tra le sue mura. Casa nostra, insomma.

Iniziamo il trasferimento, non solo dei mobili ma di tutti i nostri sogni, fino al momento in cui decidiamo di iniziare a dare qualcosa di nostro a quegli ambienti, trasmettergli un pò di personalità, ora è casa nostra d’altra parte. Immaginatevi una scena carina, tipo film di San Valentino, tutto perfetto.

Viene un nostro operaio di fiducia, che comincia a fare le opportune verifiche, quando arriva come un macigno La scoperta.

Il terrazzo ha una tettoia per tutto il suo perimetro fatta in amianto eternit, non solo, in amianto eternit in grave stato di degrado. Avete presento l’amianto, quello cancerogeno, quello vietato da decenni, quello.

Prima reazione, non ci credo.

Seconda reazione, non ci credo.

Terza reazione, cazzo.

IMG_0720Io non avevo mai approfondito, non lo avrei saputo nemmeno riconoscere l’amianto, e me lo ritrovo in casa.

Sapevo solo una cosa, l’amianto uccide, fa venire il cancro, e tu non te ne accorgi, e me lo ritrovo in casa.

Dopo giorni concitati, la scelta è obbligata, annullare ogni accordo, pretendere quello che c’è da pretendere, e allontanarci quanto più possibile da questa casa, che da riparo è diventato un nemico da cui difendersi.

Impossibile restare.

Io e voi siamo cresciuti insieme, scrivo da tanti anni, e molti di voi mi leggono e ascoltano da tanti anni. In queste settimane non sono riuscito a partecipare a Digitalia per fare un trasloco che mi stancato cosi tanto, e ora devo stare ancora lontano da voi perchè devo perdere tempo e soldi per proteggere le persone che amo dal rischio che si ammalino di cancro.

Ora stiamo uscendo da questa casa, non ci siamo respirati neanche per un pò questa schifezza, ma il mio pensiero va a tutte le persone di quel palazzo che non si sono accorte di niente per anni. Io sono stato fortunato, dopo tutto.

E’ qui che chiedo il vostro aiuto perchè mi piacerebbe che questa esperienza “analogica” potesse diventare il punto di partenza per una prevenzione “digitale”. Creiamo insieme un portale per proteggere chi vuole comprare o affittare una casa dall’amianto, spiegare cosa controllare, come difendersi, come chiedere supporto.

Realizziamolo insieme:

Per chi ha conoscenze nel campo e vuole darmi qualche consiglio, o chi magari ha avuto esperienze simili, mi mandi un messaggio a giulio.cupini@gmail.com, pubblichiamo tutte le esperienze a riguardo.

Per chi vuole partecipare a questo progetto di prevenzione e vuole farlo con un contributo, può fare una donazione su Paypal a giulius42@gmail.com, ogni supporto è davvero utile, mi piacerebbe che quello che mi è successo non succeda a nessun altro, e nel portale che creeremo metteremo i nostri nomi contro il cancro.

Per chi semplicemente vuole lasciarmi un messaggio con qualche consiglio, sapete dove scrivermi.

Realizziamo qualcosa insieme per proteggere chi in futuro sta per prendere casa. Per chi, come me, dell’amianto non sapeva nulla.

Voi cosa fareste se vi trovaste in casa l’amianto?

Ci sentiamo presto su Digitalia, rigorosamente cancer-free.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...